Ratafià

Ratafià: luxury flat per una o due coppie che desiderino soggiornare in centro con superba vista sull’isola e giardino a lago attrezzato!


Ratafià è l’appartamento di lusso del complesso “Bifora65”. Situato all’ultimo piano della storica “Villa Giovanetti”, si sviluppa su un unico piano ed ha ingresso indipendente. Spazio estremamente curato e luminoso, sa regalare ai suoi ospiti comfort ed eleganza attraverso la selezione di arredi e tessuti ricercati per scoprire la vera dimensione dell’ospitalità made in Italy. Ratafià si compone di ampia e raffinata camera da letto padronale, con sala da bagno en suite dotata di doccia e vasca; camera singola con due letti separati (di cui uno estraibile); secondo bagno con doccia; cucina attrezzata ed abitabile; luminoso ed elegante salone con aree divani ed angolo pranzo. Correda l’appartamento un ricco ventaglio di opzioni outdoor: dal lungo balcone con tavolino per le colazioni estive; all’area relax con poltrone e ombrellone, da cui godere la vista sul lago e il verde circostante e, infine, il cortiletto privato, delimitato da spalliere di gelsomino, con tavolo e sedie di design. Gli ospiti del Ratafià hanno inoltre accesso al giardino a lago del complesso “Bifora65”, dotato di lettini, ombrelloni e tavolini nella zona solarium e di pontile per l’attracco.

Viene inclusa e gratuita la prima fornitura di lenzuola e asciugamani per tutti gli ospiti, così come i teli lago.
Gli ospiti del Ratafià hanno inoltre a disposizione:

  • aria condizionata, zanzariere in tutti gli ambienti, Smart TV Satellitari
  • Internet wifi (free wifi)
  • parcheggio gratuito
  • cucina attrezzata
  • lavatrice, ferro ed asse da stiro
  • deposito bagagli
  • kit di benvenuto (acqua / caffè / tè / infusi)
  • linea prodotti naturali per il bagno
  • pulizie di cortesia con cambio biancheria
  • teli per giardino a lago forniti

Purtroppo questo appartamento non è indicato per famiglie con bambini e non ospita animali.

Verifica ora la disponibilità dell’appartamento Ratafià

Ratafià, elisir, acquabuse. È una bottiglieria.
Mille-feuilles, tarta auxpommes, chantilly. È una pasticceria… 

Paolo Conte

Così intona il grande cantautore astigiano, catturato dalla schiettezza contadina del distillato e dal suo potere evocativo. Ratafià è, infatti, qualsiasi tipo di liquore composto da un infuso a base di succhi di frutta e alcol. Esistono diverse tradizioni locali, principalmente in Italia, Spagna, Francia e Svizzera. In Italia, è storica la produzione di Andorno Micca, paese nella provincia di Biella, dove già nel 1600 il Ratafià veniva prodotto con ciliegie nere del Monastero di Santa Maria della Sala. Il nome del liquore deriva probabilmente dall’uso che anticamente ne facevano gli ambasciatori di potenze belligeranti quando, nel trattare della pace ad una mensa, brindavano con il composto pronunciando le parole latine: “Pax Rata Fiat!”*. Il liquore si usava anche frequentemente a conclusione di trattative commerciali o per la stipula di atti notarili, invocandone il lieto fine. Certo è che, come ogni elisir, il Ratafià rigenera, rafforza e… dona pace. Precisamente l’augurio che formuliamo per i nostri ospiti in visita su queste terre indimenticabili.

* Alessio de Berardinis, “Ricordi sulla maniera di manifatturare vini e liquori”, Teramo, 1868